I lettori

Io sono

La mia foto
Artista, fino in fondo al midollo dell'osso.. Sognavo una mansarda a Montmartre, il basco in testa, da vera Bohèmienne.. Una finestra che illuminava la mia tela dove i miei pensieri si posavano in amipie pennellate di colore.. Invece ho il desiderio prorompente di stabilirmi in UK, e chissà, magari un giorno nemmeno troppo lontano diventerò "devota" suddita di Sua Maestà la Regina d'Inghilterra!!

giovedì 10 gennaio 2013

RIFLESSIONE

So che è come dire ho scoperto l'acqua calda, ma c'è l'ho dentro e questo è l'unico posto in cui poterlo esternare con tutta la forza che possiedo: non c'è la volontà di creare lavoro. I giovani d'oggi non sono incentivati a realizzarsi professionalmente, almeno nel nostro paese, un paese vecchio fondato sui vecchi e che sui vecchi si regge, infatti è molto traballante.
Parto da un esempio che è alla mia portata, io ho fatto la scuola superiore per geometri, già da lì si è partiti con illuderci di fare molto laboratorio, uscite all'aperto per imparare ad utilizzare gli strumenti che alla fine della scuola sarebbero stati il nostro pane quotidiano, alla fine è una scuola professionalizzante, quindi è il minimo, tutto questo, come il minimo sarebbe prevedere almeno al 5^ anno, un periodo di stage negli uffici tecnici per vedere dal vivo e toccare con mano quello che di lì a poco, sarà il nostro mestiere.
Niente di tutto ciò, e parlo di una quindicina di anni fa... Noi abbiamo fatto un quinquennio di studi senza mai fare un solo laboratorio, siamo usciti da scuola senza saper utilizzare un solo programma che serviva ad espletare la professione di geometra, senza aver mai, escluse numero 3 volte, utilizzato gli strumenti della nostra professione, senza avere la minima nozione di urbanistica né la più basilare formazione per dire posso affrontare il biennio di tirocinio perché so di cosa si parla e almeno un po' so come si fa.
Il tirocinio per l'abilitazione alla libera professione di geometra a seconda di dove capiti a farlo, può essere inesistente, ti ritrovi cioè a fare il segretario a costo zero, o se hai un minimo di fortuna, trovi un geometra che con non poco sacrificio suo e tuo, ti insegna la professione, cosicché puoi sostenere l'esame e se sei stato bravo lo superi e inizi un nuovo calvario.
Come dicevo questo paese è vecchio, si fonda sui vecchi, su principi vecchi e non lascia il minimo spazio alle nuove generazioni, e in questa professione lo si vede chiaramente, come del resto in tante altre per non dire in tutte le altre.
Una volta che si è superato l'esame di abilitazione quasi sempre si viene allontanati dallo studio dove si è fatto tirocinio, e a quel punto, cosa si fa? Per sostenere dei corsi di specializzazione occorre essere iscritti all'albo, per sostenere dei corsi di aggiornamento, occorre essere iscritti all'albo... Iscriversi all'albo comporta un notevole dispendio di soldi, perché iscriversi all'albo comporta iscriversi alla cassa nazionale geometri, che sarebbe come l'inps, l'istituto che alla fine della carriera, ti dovrebbe elargire la pensione, tutto questo giochino vale circa 2000€ l'anno.
Ma se io non ho un lavoro che mi garantisce le entrate, da dove li tiro fuori i 2000€ per iscrivermi e per fare i corsi professionalizzanti che mi darebbero l'opportunità di avere una chance in più per inserirmi nel mondo del lavoro?
Ci si ritrova sostanzialmente col culo per terra, si sono buttati al vento anni preziosi della propria vita, ci si è piegata la schiena sopra i libri o fatto le ore piccole in ufficio per aiutare il geometra a consegnare quella pratica importante dove tu ci hai guadagnato l'aver imparato un mestiere ma che non puoi esercitare perché non te ne hanno dato la possibilità, e non ti aiutano nemmeno ad inserirti nel mondo del lavoro perché ruberesti il lavoro agli altri professionisti anziani...
Un paese vecchio, che pensa vecchio e si regge sui vecchi, ha un sistema traballante, e fin quando è più facile additare i ragazzi come bamboccioni, come sfaticati, scansafatiche, choosy, senza invece riflettere che è il sistema che non favorisce lo sviluppo, non crea la possibilità di farsi strada sulle proprie forze, la propria volontà di farcela e diventare qualcuno, allora non ci sarà futuro.
Lentamente muore.. In un agonia logorante che sfinisce e arrende...

3 commenti:

gds75 ha detto...

il guaio vero di questo paese è che ci sono tanti giovani che pensano già da vecchi!!

riri ha detto...

Carissima, non sono qui per consolarti, sarebbe inutile, hai ragione, le scuole non funzionano, il paese è vecchio in tutti i sensi e mio malgrado credo che il futuro non sia qui...So che sarà difficile un cambiamento, non voglio essere pessimista, perche' non è nel mio d.n.a, ma penso che oggi i giovani debbano cercare il proprio futuro altrove. Moti amici di mio figlio sono riusciti ad andare all'estero, e penso che toccherà anche a lui prima poi..Ti abbraccio.
ps. t.v.b.

Adriana Riccomagno ha detto...

Ah, cara, che situazione. Speriamo che cambi qualcosa al più presto...

Related Posts with Thumbnails

PREMIO BLOG PORTA FORTUNA

PREMIO BLOG PORTA FORTUNA

100% AFFIDABILE

Il Blog Affidabile

A SPASSO CON BLUE AWARD


SPECIAL THANKS TO PAOLA

SPECIAL THANKS TO CHAILLRUN

KREATIVE BLOGGER AWARD

KREATIVE BLOGGER AWARD
SPECIAL THANKS TO PAOLA

PREMIO AMICIZIA 2011

PREMIO AMICIZIA 2011
SPECIAL THANKS TO PAOLA

ONE LOVELY BLOG AWARD

ONE LOVELY BLOG AWARD
Special Thanks to "La Redazione"

ECCENTRIC CONFUSED COOL BLOG

ECCENTRIC CONFUSED COOL BLOG
SPECIAL THANKS TO ELENA

PREMIO LIEBSTER BLOG

PREMIO LIEBSTER BLOG
da CHAILLRUN

150° UNITA' D'ITALIA

150° UNITA' D'ITALIA
UN'ITALIA FATTA DI ITALIANI

METTI UN FINOCCHIO A CENA- BUON APPETITO Mr. B!