I lettori

Io sono

La mia foto
Artista, fino in fondo al midollo dell'osso.. Sognavo una mansarda a Montmartre, il basco in testa, da vera Bohèmienne.. Una finestra che illuminava la mia tela dove i miei pensieri si posavano in amipie pennellate di colore.. Invece ho il desiderio prorompente di stabilirmi in UK, e chissà, magari un giorno nemmeno troppo lontano diventerò "devota" suddita di Sua Maestà la Regina d'Inghilterra!!

martedì 21 febbraio 2012

L'ATTESA

foto di Debora

" Non scordare che nella vita niente rimane immutato
ma tutto si evolve trasformandosi.
Devi saper valutare con la giusta modestia ogni situazione.
Se stai vivendo un momento di successo,
ridimensiona l'entusiasmo;
se invece attendi uno sviluppo, sii paziente:
tutto gira e si rinnova"

8 commenti:

Adriana Riccomagno ha detto...

Questa citazione è da tenere presente soprattutto nei momenti di difficoltà!
Foto bellissima :-)

bussola ha detto...

bellissima..... tanto tanto..... rimango quindi alla finestra in attesa.....

Debora ha detto...

@ Adriana:
LO penso anche io, anche se non ho la più pallida idea di chi sia.. l'ho trovata su FB, mi è piaciuta e ho anche notato che stesse a pennello con la mia foto..

@ bussola:
Mia cara bussoletta, sono felice che ti piaccia, sia la foto che ritrae una e forse la più bella scultura di Inaco Biancalana, uno scultore di Viareggio, mio concittadino.. Se vuoi saperne di più sulla scultura che è in foto e che dà il nome al post, posso dirti che su wikipedia si trova questo:
L’Attesa, secondo molti critici, rappresenta una delle creazioni più commoventi e comunicative di Inaco. È una scultura in legno datata 1947 di altezza 95 cm, appartenente alla collezione Biancalana. Il significato principale dell’opera è la speranza. La statua ritrae una famiglia che attende ansiosa l’arrivo del bastimento . L’atteggiamento dei cinque personaggi (il vecchio Navarca con la bambina che ne cinge le ginocchia, la sposa del marinaio con il figlio in braccio e la sorella del marinaio), benché statico nella postura e nella fissità degli sguardi che scrutano l’orizzonte, tuttavia dona la possibilità all’osservatore di rendersi partecipe della scena con grande emozione e commozione. Il dolore intimo e profondo è generato dall’ardente desiderio del ritorno. Ne L’Attesa i personaggi raffigurati sono immersi in un unico blocco compatto, in un abbraccio serrato, attraverso intensità espressiva e grande fisicità. Inaco aveva sempre desiderato una sua opera collocata vicino al mare, al quale si sentiva molto affezionato. Infatti, dopo vari tentativi e permessi, il Comune approvò la sistemazione di una copia in bronzo della statua, di dimensioni maggiori. Così Gionata Francesconi, tra i più noti carristi del carnevale di Viareggio, accettò il progetto e comunque apportò alcune modifiche personali al lavoro inizialmente compiuto in creta. Gionata ha recepito e assimilato le particolarità artistiche dello scultore viareggino tanto da restituire la valenza scenica. La scultura bronzea è situata sul Molo di Viareggio ed è posta sullo scoglio denominato lo “scoglio di Tito”, che in passato prima della distruzione della città da parte dei Tedeschi, costituiva da basamento ad un famoso ristorante di Viareggio. L’opera incarna la memoria delle più profonde radici del popolo viareggino e richiama senza dubbio anche il significato dell’affetto, della fratellanza e dell’amore reciproco. Si mostra come un'imponente struttura al cospetto della maestosità del mare. L’inaugurazione dell'opera avvenne il 6 luglio 2007. L'Attesa, molto cara alla città di Viareggio, testimonia con semplicità l’attaccamento dell’artista alla comunità viareggina.
Il monumento de L’Attesa è stato realizzato con la tecnica della fusione a cera persa. L’ingrandimento in creta dell’opera è stato curato da Gionata Francesconi partendo da un bozzetto originale in legno di Inaco Biancalana, per poi seguire varie fasi. Sul modello autentico è stato eseguito un negativo in gesso, dal quale sono state costruite varie copie in cera, successivamente ritoccate e ricoperte con materiale refrattario. Le forme ottenute sono state poste in una fornace ad alta temperatura fino a creare la fusione della cera; in seguito è stato colato il bronzo liquefatto che raffreddandosi ha assunto la forma della sagoma desiderata. Dopo tale fase Gionata ed i suoi collaboratori, hanno proceduto alla ripulitura del tutto e all’assemblaggio tramite la saldatura dei singoli pezzi dei personaggi rappresentanti l’opera. Alla fine si è passati alla patinatura, con la rispettiva colorazione della superficie mediante l’ossidazione naturale. Inoltre, la lavorazione è servita sia a rendere l’opera esteticamente più esaltante agli osservatori, sia ad una protezione contro gli elementi che determinano l’invecchiamento.
- fonte wikipedia -
Un mega abbraccio!!

giardigno65 ha detto...

tutto si trasforma

Debora ha detto...

@ giardigno:
E' verissimo....!!!!

mame cara ha detto...

bellissima foto e bellissime parole mi hanno ricorsato un quadro di hopper morning sun ..ti seguo :)

metiu (casalingo disperato) ha detto...

tutto gira e si rinnova. è proprio vero.
ah, viareggio... che meraviglia, ho un sacco di ricordi di lontane vacanze passate pedalando alla versiliana o corricchiando sul lungomare. sei fortunata a vivere lì!

Debora ha detto...

@ meme cara:
Grazie cara delle belle parole!!
Mi fa piacere che ti sia piaciuto e che tu abbia apprezzato!!

@ metiu (casalingo disperato):
Non so chi abbia fatto questa citazione a corredo della mia foto, ma mi sembrava gli calzasse a pennello...
Sì, è vero, Viareggio è bellissima, ma purtroppo è in mano ad un'amministrazione che la sta rovinando.. non è più quella delle tue lontane vacanze passate pedalando alla versiliana o corricchiando sul lungomare.. certo, c'è ancora tutto, ma non è più la perla della versilia di un tempo, e te lo dico a malincuore perché vivendoci la vedo trasformarsi giorno dopo giorno..
Ti dico solo che un tempo, quando si avvicinava il periodo di carnevale, la città subiva una sorta di restyling, ora nemmeno più quello.. Hanno le pretese di una grande città turistica ma non danno al turista l'accoglienza e le strutture che merita..
Mi dispiace, ma è così..
Sì, io sono fortunata, e dovrebbero accorgersene anche coloro che la gestiscono...
Grazie della visita!!
A presto!!

Related Posts with Thumbnails

PREMIO BLOG PORTA FORTUNA

PREMIO BLOG PORTA FORTUNA

100% AFFIDABILE

Il Blog Affidabile

A SPASSO CON BLUE AWARD


SPECIAL THANKS TO PAOLA

SPECIAL THANKS TO CHAILLRUN

KREATIVE BLOGGER AWARD

KREATIVE BLOGGER AWARD
SPECIAL THANKS TO PAOLA

PREMIO AMICIZIA 2011

PREMIO AMICIZIA 2011
SPECIAL THANKS TO PAOLA

ONE LOVELY BLOG AWARD

ONE LOVELY BLOG AWARD
Special Thanks to "La Redazione"

ECCENTRIC CONFUSED COOL BLOG

ECCENTRIC CONFUSED COOL BLOG
SPECIAL THANKS TO ELENA

PREMIO LIEBSTER BLOG

PREMIO LIEBSTER BLOG
da CHAILLRUN

150° UNITA' D'ITALIA

150° UNITA' D'ITALIA
UN'ITALIA FATTA DI ITALIANI

METTI UN FINOCCHIO A CENA- BUON APPETITO Mr. B!